Italiano

EEA Agenzia Ue per l’Ambiente: la sospensione dei neonicotinoidi è solo il primo passo di una grande sfida

La sospensione, seppur benvenuta, è limitata nel suo scopo e a parere dell'EEA, l'autorevole agenzia ambientale europea, dovrebbe essere il punto di partenza per affrontare scelte più oculate nell’ uso di pesticidi. La stessa verrà applicata solo a 3 dei 7 neonicotinoidi sotto accusa e si limita ai “coltivazioni visitate e impollinate dalle api”. Il pericoloso impatto dei neonicotinoidi sulle specie invertebrate acquatiche, gli uccelli e gli altri insetti non viene considerato con la dovuta attenzione. Allo stesso modo, la sospensione non riguarda i nuovi insetticidi neonicotinoidi, come il Sulfoxaflor, che potrebbero essere introdotti sul mercato a breve.

Report sullo stato della natura nel Regno Unito

Per la prima volta, 25 organizzazioni ambientaliste britanniche si sono riunite per la realizzazione di uno studio sullo stato della natura nel Regno Unito e nei Territori d'Oltremare. I risultati di quest'iniziativa sono stati raccolti e pubblicati in un report dal titolo "The State of Nature". Il report è il primo del suo genere a documentare lo stato e le tendenze delle popolazioni di animali e piante nel Regno Unito e nei suoi Territori d'Oltremare. Il report esamina lo stato della natura negli otto principali tipi di habitat del Regno Unito e propone una panoramica delle principali cause dei cambiamenti nella fauna.

La perfida Albione prende api per bombi

Il Dipartimento britannico per l’ambiente, l’alimentazione e gli affari rurali (FERA) si era opposto alla moratoria sull’uso dei neonicotinoidi in attesa dei risultati di uno studio sul campo che aveva commissionato. L’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare (EFSA) ne ha appena pubblicato la “peer-review“. Il FERA, un’agenzia del Ministero dell’agricoltura, pubblicava a fine marzo il rapporto di Thompson et al. e iniziavano le perplessità. Partiva dall’ipotesi che i neonicotinoidi presentano un “basso rischio”, e la confermava.

Insetticidi sistemici: un disastro in atto - la presentazione del Dott. Tennekes al Congresso dell'Associazione degli Apicoltori dell'Hampshire (traduzione a cura dell'Unaapi)

Henk Tennekes, tossicologo olandese, ha studiato con un approccio olistico gli effetti della diffusione di neonicotinoidi nell'ambiente e i loro effetti su insetti e altri animali non bersaglio. Tennekes dimostra come l’avvelenamento sistemico non colpisce solo api e insetti impollinatori ma contamina suoli, acque e colpisce per via indiretta molte altre indispensabili forme viventi, fra cui in particolare gli uccelli. Le sue tesi scientifiche sono state pubblicate, nel settembre 2010, in un libro dal titolo “Insetticidi sistemici: un disastro in atto”, e in numerosi articoli. L’Unaapi ha tradotto la presentazione fatta da Tennekes durante il Convengno dell’Associazione degli Apicoltori dell’Hampshire, nel novembre 2012.